Innovazione

L’innovazione al cuore delle nostre strategie

Consideriamo l’innovazione, la ricerca e la trasformazione digitale come leve strategiche per valorizzare il nostro patrimonio di know-how e asset tecnologici. I settori dove operiamo sono in grande evoluzione. Per questo, l’innovazione e l’accrescimento del know how sono i fattori guida per lo sviluppo di nuovi modelli di business capaci di creare valore per gli stakeholder nel lungo termine, garantendo al contempo la sicurezza e l’affidabilità delle nostre attività tipiche.

L’innovazione rappresenta quindi un cardine del nostro Piano Industriale 2020-2023 e uno dei quattro pillar della strategia di sostenibilità, con l’obiettivo di portare lo storico bagaglio di competenze di Rai Way in nuove realtà e nuovi servizi, supportando le infrastrutture del Paese.

Investiremo oltre 200 milioni di euro fra il 2020 e il 2023 per le evoluzioni tecnologiche, i progetti innovativi e la trasformazione digitale, in modo da anticipare le evoluzioni di mercato attraverso iniziative in grado di assicurarci concreti vantaggi competitivi.

Il processo di Refarming è cruciale all’interno del Piano Industriale di Rai Way: la liberazione della banda 700 MHz ed il conseguente upgrade della tecnologia (DVB-T2) e degli standard (HEVC) delle reti broadcast digitali terrestri, nonché l’estensione delle coperture, comportano investimenti ingenti per circa € 150 mln.

Approfondisci


Investimenti in progetti di evoluzione tecnologica

Ricerca, scouting e sperimentazione

La ricerca e sviluppo sulle tecnologie disruptive rappresenta il cuore del lavoro della struttura Innovazione e Ricerca di Rai Way, creata con lo scopo di rendere più strutturato ed efficace l’approccio all’innovazione e preparare l’azienda al cambiamento nel medio-lungo termine. L’obiettivo di questa struttura è di acquisire competenze tecnologiche, portando nuove idee e trasformandole in progetti per affrontare al meglio le sfide dei prossimi anni. Mantenendo un forte presidio nel settore Media & Broadcasting, abbiamo esteso la nostra attività di scouting anche ai settori delle telecomunicazioni e dell’ICT.

L’ecosistema dell’innovazione

La struttura di Innovazione e Ricerca lavora nell’ambito di un ecosistema sia interno sia esterno, relazionandosi con:

  • aziende che si occupano di innovazione, con cui condividere esperienze e competenze che possono portare ad accordi o partnership strategiche;
  • start-up, che possono diventare fornitori di soluzioni o partner in specifici progetti;
  • enti di ricerca, agenzie, società di consulenza che possono supportare nella sperimentazione di nuove tecnologie ed essere partner nella partecipazione ai bandi di ricerca nazionali e internazionali;
  • università;
  • vendor, con cui condividere l’interesse per specifiche tecnologie e il conseguente sviluppo sperimentale, assumendosi quota parte di rischi e benefici.
 

In coerenza con il nostro patrimonio infrastrutturale e le nostre competenze, siamo impegnati su vari fronti di Innovazione e Ricerca e progetti di rilievo tra cui:

  • la sperimentazione di infrastrutture e reti a supporto del mercato dei droni
  • la sperimentazione di nuovi modelli di diffusione broadcast come il 5G Broadcasting
  • la diffusione, attraverso i nostri asset, di selezionati verticali IoT

 

Sperimentazione del 5G Bari-Matera

Si è conclusa nel 2020 la partecipazione al progetto lanciato dal Ministero dello Sviluppo Economico per sperimentare la tecnologia 5G nelle aree di Bari e Matera. Abbiamo partecipato al progetto per gli use case relativi alla contribuzione televisiva e ai servizi di monitoraggio e controllo delle movimentazioni del porto di Bari, impiegando, insieme alle altre aziende partner, la rete 5G e altre tecnologie innovative, quali i sistemi di ripresa e riproduzione video 360°, i sistemi di Virtual/Augmented reality e sistemi di riconoscimento immagini mediante “artificial intelligence”.

 

Innovazione nel core-business

La strategia di innovazione non è soltanto legata alla ricerca di opportunità e usi innovativi dei nostri asset nel lungo periodo, ma anche alla gestione sempre più dinamica delle nostre attività correnti, facendo evolvere il modello di business verso nuovi servizi e infrastrutture, e il modello operativo e di gestione degli asset attraverso un processo di trasformazione digitale. Segnaliamo in particolare:

  • servizi di distribuzione di contenuti video e dati su piattaforme broadband per supportare i nostri clienti broadcast nel rispondere all’evoluzione delle abitudini di consumo garantendo un’elevata qualità del servizio e dell’esperienza di fruizione;
  • infrastrutture a supporto dell’edge computing: la prossimità delle infrastrutture sarà uno degli elementi abilitanti per i servizi a bassa latenza (comportando un’ottimizzazione della qualità di fruizione) e per le nuove reti di telecomunicazione;
  • trasformazione digitale: un processo che coinvolge risorse umane e tecnologiche, modalità di lavoro e culturale aziendale (vedi sotto).

 

 

Digital Transformation

L’innovazione in Rai Way rappresenta un processo trasversale, che investe tutte le funzioni e tutti i settori aziendali. Per questo stiamo implementando un ampio progetto di digital transformation, che non riguarda soltanto le infrastrutture ma anche le persone, e al quale stiamo destinando circa 20 milioni di euro.

La digitalizzazione e le nuove tecnologie aprono nuove possibilità per gestire il nostro parco torri, legate in particolare all’Internet of Things.

Manutenzione predittiva per gli impianti. Ad oggi, controlliamo oltre nostri 2300 siti (e i relativi apparati elettronici di trasmissione e diffusione)con la manutenzione preventiva, pianificando visite ispettive. Negli ultimi due anni, abbiamo sperimentato soluzioni di manutenzione predittiva, ossia la possibilità di prevedere l’avaria e di predisporre l’intervento di manutenzione appropriato. Il progetto pilota è stato portato avanti su due piani: la misurazione manuale, e la misurazione automatica tramite l’installazione di sensori nel sito di diffusione, basandoci sul l’IIoT (Industrial internet of Things) e sull’intelligenza artificiale. Nei tre siti dove sono stati installati, i sensori registrano le caratteristiche ambientali (temperatura, pressione, polvere, umidità, ventilazione…) e l’analisi dei dati raccolti, incrociati con quelli degli impianti, permette di inviare le squadre di manutenzione al bisogno, con un risparmio di tempo e risorse.

Manutenzione predittiva per le infrastrutture. Per quanto riguarda invece le infrastrutture (gli elementi meccanici e metallici del nostro parco torri), abbiamo avviato una collaborazione con il Politecnico di Milano per classificare i siti a seconda del livello di rischio. A partire dall’analisi del nostro database, il progetto ha permesso di definire sei categorie di torri, determinando una ciclicità diversa del ciclo manutentivo.

Le nuove piattaforme OSS e BSS

Stiamo implementando due piattaforme molto innovative in cloud, che rivoluzioneranno il nostro modo di operare.

  • La piattaforma OSS (Operational Support System) controllerà le nostre infrastrutture. Basata sia sul cloud, sia su una rete fisica (con sensori e strutture di edge computing installati sulle nostre torri), consentirà una maggiore efficienza dei processi interni e una visione organica della rete, abilitando al contempo nuovi servizi per il futuro.
  • La piattaforma BSS (Business Support System) riguarderà gli aspetti gestionali ed economici della nostra attività: gestione clienti, asset management, contabilità e risorse umane. L’avvio di una piattaforma integrata per questi quattro ambiti farà di Rai Way una società all’avanguardia in Europa.
 

Il punto chiave del digital change non è la tecnologia abilitante, ma il cambiamento culturale.

La Società ha intrapreso un percorso di Digital Learning che, partendo dalla mappatura delle sfide e delle priorità tecnologiche e di business nonché delle competenze dell’organizzazione, orienta l’implementazione di percorsi formativi mirati, che porteranno, entro il 2023, al coinvolgimento della totalità dei dipendenti in iniziative di formazione sulle digital skills.

Approfondisci