Radio Digitale

Il T-DMB, Terrestrial Multimedia Broadcasting, e il DAB+, Digital Audio Broadcasting+, sono nuove espressioni della radio digitale, predisposte per accogliere servizi informativi e di intrattenimento rispondenti a stili di vita e modalità di ascolto attuali ed innovativi.

La sperimentazione di Visual Radio avviata a gennaio 2009 da Caterpillar di Radio 2 è da considerarsi a livello di Gruppo una prima esperienza, a cui Rai Way si pregia di collaborare ed offrire supporto tecnico ed innovativo.

ACCEDI AL SIMULATORE WEB DI RADIO DIGITALE



La diffusione della radio digitale, intesa come la 'Radio che si vede,'apre potenziali spazi per:

  • l'informazione in movimento
  • contenuti a carattere locale
  • arricchimenti e approfondimenti del programma audio
  • ascolto personalizzato con la guida ai programmi, EPG, e le nuove funzionalità di pausa e rewind.

I vantaggi della Radio Digitale sono:

  • un uso più efficiente dello spettro e senza spegnimento della radio analogica
  • la possibilità di ampliare l'offerta di contenuti agli utenti
  • un minore impatto elettromagnetico a parità di programmi radio diffusi.

Per Rai Way le molteplici soluzioni per 'fare' Radio Digitale trovano le loro migliori applicazioni come:

  • audio digitale di alta qualità utilizzando il DAB+
  • visualizzazione di immagini o video associati all'audio utilizzando il DMB
  • trasmissione di dati per lo sviluppo di servizi a valore aggiunto come:
    • Infomobilità (informazioni su traffico, meteo, notizie, punti di interesse...) con l'utilizzo dello standard TPEG
    • intrattenimento (Gaming, Widget, Personal Radio...) con l'utilizzo dello standard BIFS

La promozione della Radio Digitale

In linea con la propria visione sulle potenzialità della radio digitale e i futuri scenari di propagazione delle varie piattaforme tecnologiche, Rai Way a marzo 2008 ha costituito, insieme ad Aeranti-Corallo e RNA Radio Nazionali Associate, ARD 'Associazione per la Radiofonia Digitale in Italia'.
L'obiettivo dell'iniziativa è quello di far fronte comune nel promuovere l'avvio e lo sviluppo pluralistico della nuova radio digitale terrestre in Italia.



Consulta il Glossario Digitale della Radio
Vai alla lista delle Domande Frequenti

Pagina generata in: 15.211821 ms